Amici Uomo Ragno

sideyfriend

 

genitori

richard e mary parker

teschio

teschio rosso

RICHARD E MARY PARKER: Rispettivamente padre e madre di Peter, si può dire che non siano praticamente apparsi sulle pagine del fumetto se non nel numero 68 della prima serie dei fumetti Marvel dell’Uomo Ragno della Corno e poi più di recente negli anni 90 sulle pagine dell’Uomo Ragno edizioni Marvel Italia però erano solo androidi creati da un nemico dell’Uomo Ragno chiamato il Camaleonte. Mai apparsi anche perché morirono nell’infanzia di Peter uccisi per ordine di un criminale chiamato Teschio Rosso (criminale nazista) dato che erano agenti della CIA e si erano infiltrati nell’organizzazione del Teschio Rosso per scoprirne le mosse, furono scoperti e uccisi in un falso incidente su ordine appunto del già citato Teschio Rosso.

 

ziobenBEN PARKER:  Zio di Peter e assieme a sua moglie May responsabile della crescita ed educazione di Peter dopo la morte dei suoi genitori. Praticamente si può dire che lui e zia May presero il posto dei genitori di Peter nella sua vita. Ben Parker fu ucciso da un ladro e fu proprio per questo ladro che Peter prese il ruolo di giustiziere mascherato che tutti noi conosciamo. Infatti Peter non assunse il ruolo di super eroe dopo il morso del ragno, ma pensò di sfruttare i suoi poteri per fare soldi facendo spettacoli televisivi in cui faceva mostra delle sue capacità, ovviamente era in costume coi suoi lanciaragnatele.

Un giorno mentre usciva da uno studio lo stesso ladro gli passò davanti correndo e una guardia gli urlò di tenerlo fermo o di fare qualcosa per ostacolarlo, Peter non fece niente e il ladro scappo. Di fronte ai rimproveri della guardia Peter disse che non era affar suo, negando così la sua responsabilità a riguardo.

Più tardi tornando a casa una sera trovò la polizia e zia May in lacrime: un ladro era entrato in casa e scoperto da zio Ben lo uccise. Il ladro si era rifugiato in un vecchio magazzino e Peter trasformatosi in Uomo Ragno andò a beccarlo, lì scoperse dopo averlo catturato che questo ladro era lo stesso che era sfuggito alla sua cattura negli studi televisivi.
Se avesse fermato questo ladro,questi non avrebbe ucciso zio Ben!Questa cosa sconvolse Peter e decise che per scontare questa cosa avrebbe usato i suoi poteri per evitare che succedessero altre cose del genere nel mondo. Lì venne coniata la frase “da grandi poteri derivano grandi responsabilità”che è un po il filo conduttore delle vicende di quasi tutti i super eroi Marvel di allora. Queste come avete capito sicuramente sono le origini del portabandiera della Marvel, pubblicate per la prima volta nei fumetti  Amazing Fantasy 15 dell’Agosto 1962 negli USA e sull’Uomo Ragno 1 della Corno in Italia.

 

 

 

ziamayMAY PARKER: Zia di Peter e moglie di Ben, da signorina si chiamava Reilly. Questo è il personaggio che appare praticamente in ogni numero dell’Uomo Ragno esistente dal lontano 1963. È una vecchietta sui 60/70 anni molto spesso malata ma mai morta se non per una parentesi durata un tot di numeri per poi ritornare ad assillare Peter. (la morte era apparente) Infatti questa donna è la spina nel fianco di Peter. Lui non può permettersi di arrivare tardi a casa se no la zia si preoccupa e può avere un infarto o qualcosa del genere infatti e debole di cuore. Aveva spesso bisogno di medicine per cui il povero Peter doveva trovare o inventarsi il modo di avere i soldi necessari (cosa rara nel mondo dei fumetti non Marvel) tempo dopo il matrimonio si e portato insieme a sua moglie nella nuova casa anche lei. Tra le varie cose detesta l’Uomo Ragno anche grazie ai giornali che non perdono occasione di criticarlo in particolare il Daily Bugle, ha avuto una relazione con uno dei principali nemici dell’Uomo Ragno Octopus) e stava anche per sposarlo.

Si è trovata più volte coinvolta in maggior o minor misura nelle avventure dell’Uomo Ragno vuoi perché è in ospedale e questo viene attaccato da qualche criminale che puntualmente si scontra con il nostro eroe o perché si trova in qualche modo vicino a Peter quando succede qualcosa che richieda che lui diventi l’Uomo Ragno. È una figura che può fare tenerezza o stare sulle scatole dipende dal carattere del lettore. È sempre stata piena di premure per suo nipote, gli portava i biscotti con il latte caldo la sera, gli raccomandava di vestirsi quando usciva, si preoccupava nei momenti in cui Peter tardava a casa perché magari stava combattendo per la sua vita con qualche criminale o perché era a fare foto di qualche avvenimento criminale per conto del giornale per cui Peter lavora come fotografo part time o perché Peter si è comprato la moto. Zia May ha avuto anche una relazione con un paralitico che conobbe in un ospizio dove stette per qualche tempo, di nome Nathan Lubensky.

natan

Nathan Lubensky

Zia May ha una grande amica che è anche una sua vicina di casa che si chiama Anna Watson che le fa da confidente, sfogo, aiuto e tutto ciò che ci si può aspettare da una persona della stessa età e sesso.

anna watson

Però la figura di Anna Watson acquisirà rilievo col tempo dato che cercherà di fissare un incontro tra Peter e sua nipote, una ragazza della stessa età del nostro protagonista e ci riuscirà dopo un tot di numeri con l’ovvio benestare di zia May. Questa ragazza acquisirà un ruolo notevole nelle storie dell’Uomo Ragno specialmente dopo ventiquattro anni e 294 numeri.Infatti passerà da sua amica a sua ragazza e da sua ragazza a sua moglie, costei si chiama:

 

 

 

 

MARY JANE WATSON:
Personaggio creato dalla fantasia di Stan Lee e Steve Ditko quest’ultimo in parte e John Romita Snr in Amazing Spider-Man 42 del novembre 1966. Per essere precisi la figura di Mary Jane esisteva già da tempo negli albi del tessiragnatele però non era mai apparso il suo volto, perciò Ditko non la disegno mai completamente cosa che fece poi John Romita Snr secondo disegnatore dell’Uomo Ragno nel numero succitato. In Italia apparve sempre sui fumetti dell’Uomo Ragno Marvel Corno nel numero 35.

Era una ragazza coi capelli rossi molto bella e attraente, vivace, allegra, spensierata, molto diversa da altri personaggi femminili apparsi sulle pagine di Spidey (nomignolo affettuoso dell’Uomo Ragno preso da Spider coniato in America). Questa ragazza entra prepotentemente nella vita di Peter sin dalla sua prima apparizione. Diventerà un personaggio semifisso nelle pagine dell’Uomo Ragno insieme ad altri personaggi di cui vi parlerò un po alla volta. Le intenzioni di sua zia Anna Watson di farla mettere insieme a Peter non avranno un seguito, anche perché lui era già interessato ad un altra ragazza di cui vi parlerò dopo, sarà comunque una sua buona amica e diventerà la ragazza del suo migliore amico Harry. Ci sarebbe molto da dire in proposito per narrare la sua evoluzione come personaggio sviluppatosi in più di 200 numeri a fumettie quasi 20 anni di storie Marvel, cercherò di riassumerne i fatti essendo allo stesso tempo illuminante. Mary Jane era una ragazza molto allegra come ho già detto prima al punto da sembrare futile, visto che i suoi interessi erano i ragazzi fusti e il ballo, la musica, le feste e cose del genere.

Nonostante questo gli autori cercarono di non renderla una bambola senza cervello come poteva apparire. Anche perché la sua leggerezza era una maschera per nascondere problemi familiari con padre, madre e sorella avuti in passato, che però la condizionavano ancora nei suoi rapporti sociali.

Comunque la relazione con l’amico di Peter contribuì a renderla più matura specialmente quando questo finì su droghe. Per una serie di vicende questa relazione non durò e Mary Jane tornò libera da impegni sentimentali. Peter nel frattempo si era trovato una ragazza che poi mori tragicamente e Mary Jane gli rimase molto vicina al punto in cui Peter dopo anni pensò a lei non più come un amica ma qualcosa di più.

Lei tergiversò sia perché per certe cose non pensava di essere pronta ed anche per un altro motivo. Mary Jane era una delle poche persone al mondo a conoscere il segreto di Peter ne esistevano solo altre, di cui uno era morto (in apparenza) e l’altro aveva un amnesia a riguardo. Costoro erano il primo e il secondo Goblin il principale nemico dell’Uomo Ragno.
Mary Jane essendo la nipote della vicina di Peter e zia May era a casa di sua zia ogni tanto, una volta vide uscire dalla finestra di casa di Peter il nostro tessiragnatele quando era sicura che non fosse entrato nessuno. Dopo quel fatto lei capì che Peter era l’Uomo Ragno, questa cosa verrà fuori solo molti anni dopo che loro due si conobbero.

Comunque dopo molte vicissitudini infine si sposarono. Mary Jane col tempo era diventata anche una famosa modella e aveva anche  recitato per la TV, di conseguenza aveva una vita tale, Peter a volte era effetto del successo della moglie, essendo una persona particolarmente comune, ci furono quindi dei litigi nella coppia, entrambi avevano qualcosa da rinfacciarsi. Lui, il fatto che andasse spesso fuori città o fosse troppo impegnata con il lavoro, lei, il fatto che Peter si dedicasse al mestiere di Uomo Ragno. Dal loro matrimonio nascerà una figlia apparentemente morta. Queste vicende sono narrate negli albi della Marvel Italia dove apparentemente per ora Mary Jane è defunta in un incidente aereo. Niente o quasi però nel Mondo Marvel muore per sempre. Infatti vive nuovamente anche se per il momento ha preso un attimo di separazione da suo marito. Dopo un periodo di riunione il destino li ha fatti di nuovo separare.


GWEN STACY:

Capitano Stacy


Questa è la seconda ragazza dell’Uomo Ragno, vi ho già accennato qualcosa di lei nella parte precedente, ora approfondiremo la storia. Per iniziare il suo nome per intero era Gwendolyn anche chiamata Gwendy come nomignolo affettivo. Figlia del capitano George Stacy ex poliziotto in pensione e di madre il cui nome rimane sconosciuto nel mondo dei comics o perlomeno se fu citato lo fu solo in un albo e di sfuggita, perdonatemi questa imprecisione. Gwen fece la conoscenza di Peter all’università quando il personaggio dell’Uomo Ragno era ancora nelle mani di Ditko come disegnatore. Per essere precisi Gwen Stacy apparve sulle pagina di Amazing Spider-Man 31 del dicembre 1965 in Italia è apparsa nel 1971 nel numero 25 dei fumetti Marvel Corno.

La Gwen Stacy di Ditko era differente da quella che fece poi Romita, era meno carina era un po’ ostile a Peter era fredda e quasi antipatica.
La versione di Romita era abbastanza differente, Gwen era carina, dolce, sensibile, anche a lei piaceva divertirsi, fare feste, ballare come a Mary Jane con la differenza che era più equilibrata, più responsabile, più assennata, da ostile, fredda e antipatica divenne quanto sopra. Da considerare che i testi li scriveva sempre Stan Lee, Romita e Ditko disegnavano solo il personaggio in base alle istruzioni di Lee, quindi dobbiamo a Lee il cambiamento del personaggio anche se c’è da considerare che nei numeri iniziali il personaggio era appena accennato e che Peter era immerso in alcuni problemi abbastanza rilevanti quando iniziò l’università quindi si potrebbe attribuire a tutto ciò l’evoluzione del personaggio.

Col passare del tempo i rapporti tra Gwen e Peter cambiarono sino a diventare fidanzati. Il loro rapporto ebbe alti e bassi dovuti principalmente al fatto che Peter era l’Uomo Ragno e come tale a volte saltava degli appuntamenti con Gwen o doveva inventare menzogne per giustificare il suo comportamento o assenza. Oltre a questo Gwen non ha mai avuto tanta simpatia per l’Uomo Ragno per varie ragioni.

Tra l’altro Gwen ebbe una rottura nei suoi rapporti con Peter per il fatto che nelle sue foto apparve il Capitano Stacy, che sotto l’influenza di un criminale, rubò dei documenti dagli archivi della polizia. Sempre a causa di questa influenza il padre di Gwen attaccherà Peter il quale dovrà difendersi facendolo cadere, in quel momento lei entrerà e vedrà la scena.

Questa faccenda si risolve, però successivamente nel numero 90 del novembre 1970 pubblicato come numero 91 nell’ottobre 1973 dei fumetti Marvel Corno, il Capitano Stacy muore travolto da delle macerie in un combattimento dell’Uomo Ragno contro il Dottor Octopus e il nostro tessiragnatele viene accusato della morte del padre di Gwen. Costei allora va a Londra da un suo zio e solo dopo 10 numeri torna a New York da Peter.

Dopo altri 21 numeri il rapporto tra Gwen e Peter subisce un tragico finale, infatti nel numero 121 del giugno 1973 uscito in Italia nel giugno 1975 Gwen muore uccisa da Goblin gettata giù dal ponte di Brooklyn durante una lotta tra quest’ultimo e l’Uomo Ragno. Peter con un lancio di ragnatela riesce a raggiungerla prima che tocchi terra ma la caduta da una tale altezza le causa uno shock tale da causarne così la morte. Così apparentemente termina la vita di Gwen Stacy nelle storie del tessiragnatele, questo sino al numero 143 del maggio 1975 apparso in Italia nel maggio 1977.

Costei però è solo un clone che appare proprio nel momento in cui Mary Jane e Peter iniziano a mettersi assieme, causando così un problema non indifferente al nostro eroe. Dopo  pochi numeri però la faccenda si risolve, il clone ora consapevole di cosa è decide di lasciare la vita di Peter, quindi ora il nostro eroe ha il campo libero con Mary Jane.

 

 

BETTY BRANT:
È stata come ho detto prima la prima ragazza del nostro tessiragnatele nelle vesti di Peter Parker. Costei era la segretaria del direttore del Daily Bugle, il giornale per cui Peter lavorava come fotografo part time. Si conobbero proprio lì anche perché costei a volte si occupava del pagamento delle foto a Peter da parte del direttore del giornale J.Jonah Jameson.

Spendo due parole per questo personaggio che è parte integrante delle storie del nostro arrampicamuri da centinaia di numeri. Costui ha la particolare caratteristica di detestare l’Uomo Ragno per motivi mai ben definiti e gli articoli del suo giornale sono sempre o quasi antagonistici al nostro tessiragnatele. Ritiene che l’Uomo Ragno sia una minaccia e acquista le foto di Peter per dimostrare questo suo punto di vista. Ha più volte finanziato la creazione di criminali o invenzioni che potessero nuocere all’Uomo Ragno. A parte questo ha un carattere molto irascibile ed anche insopportabile, ma nonostante questo e le sue idee sul nostro eroe è un uomo onesto.

Tornando a Betty Brant questa era una ragazza di qualche anno più vecchia di Peter ma non di molto carina coi capelli castani apparsa sui primi numeri della serie dei fumetti Marvel di Spidey (era il 4). Anche lei è stata creata dalla coppia Lee-Ditko ovviamente. Evidentemente il carattere di Peter dolce ma timido fecero presa su questa ragazza che aveva abbandonato gli studi per mettersi a lavorare, anche perché nella sua famiglia questo era necessario, dato che il fratello non si occupava di affari proprio onesti.

La storia con Peter inizierà poi solo col numero 7 dell’Uomo Ragno versione americana e durerà sino verso il numero 27-28 sempre della serie americana. La loro relazione ha avuto qualche volta degli alti e bassi per una questione di gelosia riguardante una compagna del liceo di Peter, Liz Allen di cui parlerò più avanti. Il loro rapporto si raffreddò e si ruppe alla fine per questioni riguardanti l’Uomo Ragno. Betty nel numero 11 dello stesso Uomo Ragno edizione americana, perde il fratello Bennet il quale lavorava con un gangster, che viene ucciso da una pallottola mentre infuria una battaglia tra il tessiragnatele e il Dottor Octopus.

Questo evento causa un certo trauma a Betty la quale da quel momento rifugge qualsiasi legame con persone che potessero avere qualcosa a che fare con la violenza. Il nostro Peter nelle sue veci di fotografo dell’Uomo Ragno deve avere a che fare con la violenza, con possibili conseguenze negative per la sua salute, cosa su cui Betty è spesso in ansia.Questa cosa inizia a causare una barriera tra loro perché Betty magari vorrebbe che Peter non facesse quel lavoro mentre per Peter è  una fonte di sostentamento. Altra cosa che può aver contribuito al loro distacco è una volta in cui Peter è in preda ad una forte influenza e Betty è stata catturata dal Dottor Octopus e nelle sue vesti di Uomo Ragno lo affronta, prendendosele e venendo smascherato sempre da Octopus.

Nessuno in quel momento pensò a Peter come Uomo Ragno anche perché le capacità di Peter erano ridotte di molto a causa dell’infuenza. Ovviamente Betty non vede di buon occhio questo gesto di Peter convinta che sia stato ferito anche per causa sua, quindi nascono ulteriori attriti. Nel mentre Betty arriva a conoscere un cronista del Daily Bugle e dopo un po molla Peter e con questo giornalista ha una storia sino a diventare marito e moglie. Betty in seguito a vicende abbastanza incasinate non presenti nei fumetti Marvel della Corno diventerà vedova.
Il nome di costui è Ned Leeds (il marito di Betty) ed in seguito diventerà un supercriminale di nome Hobgoblin ma solo apparentemente.

Ned Leeds

Hobgoblin

In vicende presenti nei fumetti della Marvel Italia la faccenda diventa abbastanza complessa perchè ci sono due o tre persone diverse che utilizzeranno di questo nome. In pratica costui trova i diari di Goblin e li usa a sua volta per diventare il criminale detto sopra. Verrà poi ucciso da un altro criminale e Betty avrà un bello shock dalla cosa. Come ho detto queste vicende sono tutte narrate nei fumetti della Marvel Italia. Betty successivamente passa poi a fare la cronista sempre per il Daily Bugle riuscendo a ovviare al suo orrore per la violenza di cui non si parlerà più.

 

 

 

 

LIZ ALLEN: Questa ragazza è stata presente bene o male in molti tra le centinaia di numeri del nostro tessiragnatele. Apparve per la prima volta sul numero 15 di Amazing Fantasy del 1962 cioè il primo numero dell’Uomo Ragno. Come al solito è nata dalla fantasia di Lee-Ditko. Costei era una compagna di liceo di Peter ed era una delle poche persone al liceo che lo consideravano una persona e non solo un quattrocchi imbranato e cervellotico. Bionda, carina, filava anche Peter, ma non successe mai niente tra loro anche se magari a lei non sarebbe spiaciuto.

Flash Thompson

Nello stesso tempo in cui filava Peter stava anche insieme a FLASH THOMPSON il campione di football del liceo, costui era il tipico bullo della scuola grande grosso e poco intelligente che aveva in antipatia Peter, anche per via dell’atteggiamento di Liz nei suoi confronti. Anche costui apparve per la prima volta sul numero 1 del tessiragnatele creato da Lee-Ditko e continua ad apparire saltuariamente sugli albi del nostro dopo centinaia di fumetti Marvel. Diventò poi amico di Peter, perse le gambe in una missione militare e gli vennero dati dei poteri per compensare questa sua perdita.

molten

molten

Nonostante questo atteggiamento negativo e sprezzante nei confronti di Peter, Flash è uno dei più grande fan dell’Uomo Ragno arrivando persino ad impersonarlo e a fondare un club in suo nome. In seguito i rapporti con Peter migliorarono e divennero amici, tanto che per un tot di tempo hanno condiviso un appartamento. Flash ha anche fatto da testimone alle nozze di Peter e Mary Jane. Dopo la morte del marito di Betty Brant provò a farle il filo senza però grandi risultati. Il suo rapporto con Liz si interruppe molto prima, non molto dopo la fine del liceo. Andò in Vietnam per il servizio militare dove vivrà delle avventure abbastanza particolari. Ha conosciuto ed usciva insieme alla banda composta da Mary Jane Gwen, Peter e l’amico di Peter che un tempo stava insieme a Mary Jane, Harry Osborn di cui parlerò tra poco.

Tornando a parlare di Liz Allen lei ha avuto alcune particolarità tipo quello di essere la sorellastra di uno dei nemici dell’Uomo Ragno, Molten (un uomo la cui pelle è ricoperta di un metallo fuso), di sposare Harry Osborn che diventerà poi il secondo Goblin dal quale avrà un figlio. Continua attualmente la sua amicizia con Peter.

 

 

Harry Osborn

HARRY OSBORN: Apparve anche lui sul numero 31 dell’Uomo Ragno USA sempre della coppia Lee-Ditko.
Costui è stato un grande amico di Peter anche se non subito. Si sono conosciuti all’università dove costui stava molto insieme a Gwen Stacy, coalizzati nella loro antipatia contro Peter, in un periodo in cui aveva la testa altrove a causa di Zia May in ospedale.
Quando Peter è poi tornato nella normalità le cose si sono appianate, hanno iniziato ad uscire insieme a Mary Jane e a Gwen in ottimi rapporti di amicizia, sino a condividere l’appartamento. Un neo di Harry sta nel fatto che era il figlio di Norman Osborn, il primo Goblin, il principale nemico dell’Uomo Ragno e l’unico a sapere la sua identità, oltre questo Harry non aveva certo un carattere forte, era discretamente insicuro e complessato. Questo anche a causa del padre che non si sprecava certo in complimenti o sentimentalismi nei suoi confronti, anzi era discretamente oppressivo nei suoi confronti e invalidante. A causa di queste cose Harry dopo un certo tempo cadde preda della droga, anche a causa di un fallimento nella sua relazione con Mary Jane.
Venne poi a scoprire l’identità segreta di Peter ed assunse anche l’identità di suo padre diventando il secondo Goblin utilizzando le stesse armi e costume del padre. Peter riuscirà a sconfiggerlo più volte e alla fine Harry andrà sotto cure psichiatriche rimuovendo il suo antagonismo nei confronti del tessiragnatele e scordandone l’identità. Come già detto prima si sposerà con Liz Allen dalla quale avrà poi un figlio.


JOE “ROBBIE” ROBERTSON:

robertsonCostui è un uomo di colore sulla cinquantina che lavora nel Daily Bugle come capocronaca. La sua prima apparizione è stata nel numero 51 dell’edizione americana dell’Uomo Ragno del 1967, da noi in Italia apparve sul numero 46 dei fumetti dell’Uomo Ragno Marvel Corno nel 1972. Venne creato stavolta dalla coppia Lee-Romita che misero un personaggio di colore per la prima volta sulle pagine dell’Uomo Ragno.

Costui lavora nel Daily Bugle come braccio destro di Jameson, a sua differenza non ha pregiudizi nei confronti dell’Uomo Ragno, sarà sempre molto obiettivo nei suoi giudizi nei confronti di Spidey, avrà sempre un comportamento molto cordiale nei confronti di Peter contrariamente a Jameson e cercherà sempre di aiutare Peter nei suoi momenti negativi. Rappresenta il lato umano di Jameson nel Daily Bugle e arriverà per circostanze varie pure ad assumerne la direzione per un breve tempo. Sposato, con un figlio un po’ rivoluzionario, sotto certi aspetti, che apparve qualche volta sulle pagine dell’Uomo Ragno, il suo comunque è un matrimonio tranquillo. A volte proprio a causa dell’inobiettività di Jameson avrà contrasti forti con lui, arrivando pure a lasciare il Bugle temporaneamente.

Con questo ho finito l’elenco dei principali amici di Peter ora passerò ai suoi nemici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *